Oggi do una mano a te

Ieri sono andata per l’ultima volta prima dell’esame a scuola. Già sapevo che il mio conpagno non ci sarebbe stato, idem la compagna di Emanuela C. causa lavoro, quindi ho deciso di dare una mano a lei invece di ripetere la mia preparazione d’esame. Emanuela ha scelto di realizzare un percorso gustativo dal dolce al salato composto da quattro mignardises: si parte da una fino a quattro preparazioni per ognuna di esse, quindi capirete che in tre ore, da sola, senza nessun aiuto, sarebbe stato difficile portare a termine il tutto e mantenere un certo standard.


Partendo da sinistra: voulevent con mousse al gorgonzola e mandorla alla paprika, disco di pasta brisè con gelatina di bisque di scampi, mousse di asparagi e scampo scottato, bignè con mousse di yogurt e cedro calabrese (anche se ieri abbiamo usato quelli di mia nonna, Nocera superiore) e, per finire, tartufino al cioccolato fondente 75%. I fuochi d’artificioin bocca!!

Io ed Emanuela avremmo voluto fare l’esame insieme, ci capiamo in un istante, completiamo una le frasi dell’altra ed isieme non ci ferma nessuno, nemmeno il forno che emette rumori sinistri! Ma il direttore non ce l’ha concesso: con noi insieme, si sarebbero formate coppie poco affiatate.     

Salutarla ieri è stata dura, salutare Francesco B. altrettanto. Non sto andando in guerra, lo so, ma sapere di vederli almeno una volta a settimana, mi dava sicurezza. Ho salutato i miei carissimi prof che mi hanno dato tanto, ma proprio tanto! E come si fa a ringraziarli abbastanza? Le parole non basterebbero, un regalo materiale nemmeno, dovrò solo mettere in pratica tutti i loro insegnamenti, crescere ogni giorno di più,  studiare e “farmi il mazzo” fino a diventare qualcuno. Quel giorno, finalmente, sentirò di averli ringraziati a dovere.
Oggi il prof S. canticchiava “questo è il mestiere più bello del mondo”… e come dargli torto? Io vivo di questo! C’è chi si nutre per sopravvivere e chi mangia per viaggiare anche solo attraverso i sapori; c’è chi cucina per DOVERE e chi per PIACERE; c’è chi si limita a saper fare poche cose e chi, come me, non ne ha mai abbastanza. 

Verrà il giorno in cui troverò un equilibrio tra calorie assunte e bruciate, tra carboidrati e proteine; verrà il giorno in cui mi offriranno qualcosa e io rifiuterò e non mi farò prendere dalla curiosità di assaggiare… MA NON È QUESTO IL GIORNO! Oggi è il giorno in cui sperimento e assaggio. Oggi sono così, enogastronomicamente curiosa e attiva!

Baci

Giorgia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...